Monoteismi e politeismi secondo Eco

I due monoteismi che hanno scatenato invasioni per imporre un unico dio sono stati quello islamico e quello cristiano (e annovererei tra le guerre di conquista il colonialismo, che – interessi economici a parte – ha sempre giustificato le sue conquiste con il progetto virtuoso di cristianizzare le popolazioni conquistate, a cominciare dagli Aztechi e dagli Incas, sino alla nostra “civilizzazione” dell’Etiopia (dimenticando che anche loro erano cristiani).

Caso mai un caso curioso è stato quello del monoteismo ebraico, che per sua natura non ha mai praticato alcun proselitismo, e le guerre di cui parla la Bibbia erano intese ad assicurare un territorio al popolo eletto, non a convertire altre popolazioni al giudaismo. Ma anche il popolo ebraico non ha mai incorporato altri culti e credenze.

Con tutto questo non intendo dire che sia più civile credere nel Grande Spirito della Prateria o nelle divinità Yoruba che nella Santissima Trinità o nell’unico dio di cui Maometto sarebbe il profeta. Dico solo che nessuno ha mai tentato di conquistare il mondo nel nome del Grande Spirito o di una delle entità che si sono poi trasferite nel Candomblè brasiliano – né il baron Samedi del Woodoo ha mai cercato di spingere i suoi fedeli oltre i loro ristretti confini caraibici.

Si potrebbe dire che solo un credo monoteistico consente la formazione di grandi entità territoriali che poi tendono a espandersi. Ma il subcontinente indiano non ha mai cercato di esportare le proprie divinità, e l’impero cinese è stata una grande entità territoriale, senza la credenza in una sola entità creatrice del mondo, e (sino a oggi) non ha mai tentato di estendersi anche in Europa o in America. Caso mai la Cina lo fa ora, ma con mezzi economici e senza impegno religioso, disposta a comprare industrie e azioni in Occidente, ma che la gente continui a credere in Gesù, in Allah o in Iahve non gli fa né caldo né freddo.

 

Umberto Eco

Please follow and like us:

3 comments

  1. Non credo si vada a caccia di terre di espansione per motivi religiosi mono o politeisti.
    Le religioni servono per unire i popoli sotto il fascino di un capo ultra terrestre che premia e punisce.
    Sono poi i Capi laici che hanno il potere, a decidere dove espandersi e perché.
    Secondo la storia reale la frase di Eco: “I due monoteismi che hanno scatenato invasioni per imporre un unico dio sono stati quello islamico e quello cristiano” mi appare completamente errata.
    Altra idiozia è affermare che la conquista dell’Etiopia sia stata giustificata da un progetto di evangelizzazione, e che la civilizzazione italiana debba essere virgolettata.
    Lo dico per razionalizzare discorsi letterari con ragione di causa.
    Mio Padre Vezio Orazi fu il primo Federale di Addis Abeba.
    Vorrei confrontaste la situazione del Corno d’Africa provincia italiana come ai tempi di Roma, con quella attuale sotto i musulmani.
    Morto il colonialismo è morta l’Africa.
    Concetti incomprensibili alla sinistra anti italiana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *