La persecuzione dei cristiani? Un mito secondo la studiosa americana Candida Moss

“La storia tradizionale del martirio cristiano è errata. I cristiani non erano perseguitati, diffamati o presi di mira dai romani. Davvero pochi cristiani morirono, e quando morivano, venivano spesso condannati per quelle che nel mondo moderno chiameremo ragioni politiche. C’è una differenza tra persecuzione e processo. Un persecutore prende di mira rappresentanti di un gruppo specifico per una punizione immeritata meramente a causa della loro partecipazione in quel gruppo. Un individuo è processato perché quella persona ha infranto la legge”

Per la professoressa Moss, ordinaria di Nuovo Testamento nell’Università americana di Notre Dame,  la persecuzione dei cristiani nell’antica Roma  è in gran parte un mito inventato ““I cristiani non sono mai stati le vittime della sostenuta persecuzione mirata”.  Per la studiosa risulta “narrativa da scuola domenicale una Chiesa di martiri, di cristiani accalcati nelle catacombe per paura, che si incontravano in segreto per evitare di essere arrestati e spietatamente gettati ai leoni solo per le loro credenze religiose”.

La Moss parte da una attenta analisi delle fonti rilevandone incongruenze, contraddizioni ed anacronismi incompatibili con la società dell’antica Roma. Per la studiosa  L’idea della chiesa perseguitata è quasi interamente invenzione del IV secolo e successiva”.  Fu il vescovo Eusebio di Cesarea ad “inventare la schiacciante maggioranza di storie di martiri in nostro possesso” per propagandare il “mito” di una chiesa perseguitata. In seguito questo mito ha attecchito e si è sviluppato perché le reliquie dei martiri , afferma la Moss” potevano attirare una folla immensa. Il possesso dei resti di un martire. . . assicurava ad un villaggio non solo protezione e fama, ma anche visitatori. I pellegrini al santuario di un martire hanno bisogno di luoghi di soggiorno, di cose da mangiare e di una lampada o di oggetti  commemorativi da portare a casa con loro. Ogni villaggio ha voluto avere i resti di un famoso martire”

 

Candida Moss, The Myth of Persecution: How Early Christians Invented a Story of Martyrdom, 2013

 

 

 

 

 

 

 

Please follow and like us:

3 comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *